giovedì 26 maggio 2022

Secondo l’ISTAT, a maggio quasi 85000 posti di lavoro in fumo

Mentre negli Stati Uniti Donald Trump esulta per i 4,5 milioni di posti di lavoro creati, in Italia le cose non stanno affatto bene.

La riduzione mensile del numero di dipendenti colpisce principalmente donne, lavoratori e persone di età inferiore ai 50 anni. Il numero di persone in cerca di lavoro è in crescita e il numero di persone inattive sta diminuendo drasticamente.

Senza contare che il tasso di disoccupazione è aumentato al 7,8%

L’occupazione continua a diminuire a maggio, anche se a un ritmo più lento, e il numero di persone in cerca di lavoro continua a crescere in un “notevole” declino dell’attività. E dopo due mesi di marcato in declino, aumenta anche il numero di ore lavorate pro capite. Questa è una fotografia scattata dall’Istat sulla base degli ultimi dati del mercato del lavoro: in particolare le donne sono quelle che perdono di più questo mese, così come i giovani e i contratti temporanei. Tuttavia, secondo l’Istat, da febbraio il livello di occupazione è diminuito di oltre mezzo milione di unità e le persone in cerca di lavoro di quasi 400 mila unità, rispetto a un aumento delle persone inattive di quasi 900 mila unità. L’effetto sull’occupazione e sulla disoccupazione è una diminuzione di oltre un punto percentuale in tre mesi.

Le donne hanno sofferto di più

La diminuzione dell’occupazione mensile a maggio (-0,4%, equivalente a -84 mila unità) colpisce principalmente le donne (-0,7% contro -0,1% degli uomini, che è rispettivamente -65 mila e -19 mila) il numero di dipendenti (- 0,5% equivale a -90 mila) e le persone di età inferiore ai 50 anni, e il numero di lavoratori indipendenti e di persone di età superiore ai 50 anni è leggermente aumentato. In generale, il tasso di occupazione scende al 57,6% (-0,2 punti percentuali).

La diminuzione del numero di lavoratori occupati nell’ultimo mese è associata solo ai dipendenti, con una notevole riduzione degli indicatori a tempo determinato (-3,0%) rispetto ai lavoratori regolari (-0,1%); Gli indipendenti mostrano un leggero aumento (+ 0,1%). Nel corso dei dodici mesi, la riduzione del numero di dipendenti è associata a una diminuzione del numero di dipendenti (-18,9%, -592 mila) e di lavoratori indipendenti (-3,8%, -204 mila); i lavoratori a tempo indeterminato, invece, continuano a crescere (+ 1,2%, equivalenti a + 183 mila).

La recessione economica nell’occupazione determina anche un calo significativo rispetto a maggio 2019 (-2,6%, che è -613 mila unità), che comprende componenti di genere, lavoratori temporanei (-592 mila), lavoratori indipendenti (-204 mila) e tutte le età gruppi; Le uniche eccezioni sono le persone con più di 50 anni e i lavoratori a tempo indeterminato (+ 183 mila). Il tasso di occupazione è ridotto di 1,5 punti in un anno.

Il tasso di disoccupazione sta aumentando

Il tasso di disoccupazione aumenta al 7,8% (+1,2 punti) e tra i giovani al 23,5% (+2,0 punti). L’aumento del numero di persone in cerca di lavoro (+ 18,9%, che è + 307 mila unità) è più evidente tra le donne (+ 31,3%, che è + 227 mila unità) rispetto agli uomini (+ 8,8%, lo stesso a + 80 migliaia) e copre tutte le fasce d’età.

È stata inoltre generalizzata una diminuzione del numero di persone inattive (-1,6%, che equivale a -229 mila unità): -1,7% tra le donne (pari a -158 mila unità) e -1,3% tra gli uomini (pari a 71 mila .), seguito da una riduzione dell’inattività del 37,3% (-0,6 punti).