Entra in contatto con noi

Mercati americani

2 migliori titoli a reddito passivo da detenere nel 2023

Pubblicato

il

Le azioni a reddito passivo sono un modo comprovato per proteggere il tuo portafoglio dalla volatilità del mercato. Inoltre, scaffale in alto giochi di dividendi tendono inoltre a sovraperformare altre classi di attività nei mercati rialzisti.

Tuttavia, non tutte le azioni con dividendi sono tagliate dalla stessa stoffa. Il migliore giochi a reddito passivo – definiti come titoli in grado di fornire sia protezione dai ribassi nei mercati ribassisti che apprezzamento del capitale nei mercati rialzisti – sono intrinsecamente legati a società con flussi di cassa liberi solidi come una roccia.

Con questo contesto in mente, ecco due titoli a reddito passivo di prim’ordine che gli investitori non si pentiranno di acquistare nel 2023.

Fonte immagine: Getty Images.

Advertisement

1. AbbVie

AbbVie (ABBV 0,59%) è una società farmaceutica a grande capitalizzazione con una meritata reputazione di top azioni di crescita dei dividendi. Dal suo inizio nel 2013, il produttore di farmaci ha aumentato in media il suo dividendo di circa il 30% all’anno. E grazie al suo portafoglio diversificato di prodotti per l’estetica, il cancro, la cura degli occhi, l’immunologia e le neuroscienze, AbbVie ha generato 16,7 miliardi di dollari di flussi di cassa liberi netti medi negli ultimi quattro anni consecutivi.

Tuttavia, le azioni di AbbVie sono crollate durante le prime tre settimane del 2023, in calo del 7,4% al momento della stesura di questo documento. Preoccupazioni sulla capacità del produttore di farmaci di superare i prossimi lanci di biosimilari negli Stati Uniti per il suo farmaco immunologico di punta, Humira, hanno indotto alcuni investitori a spostarsi ai margini quest’anno. Queste preoccupazioni non sono del tutto prive di merito. Si prevede che la linea superiore del produttore di farmaci diminuirà del 6,8% quest’anno rispetto al 2022.

Tuttavia, ci sono due chiari motivi per cui gli investitori in reddito dovrebbero avventarsi su questo ritiro. Innanzitutto, AbbVie ha in atto un solido piano per superare Humira come principale generatore di entrate. Questo piano è incentrato sull’appoggiarsi a nuovi farmaci per l’immunologia, come Skyrizi e Rinvoq, sfruttando il suo portafoglio di prodotti estetici dall’acquisizione di Allergan nel 2020 e rafforzando il suo franchising di ematologia già di prim’ordine. AbbVie, secondo le sue previsioni interne, si aspetta che questa strategia riporti l’azienda a livelli elevati di crescita del fatturato già nel 2025.

In secondo luogo, il management di AbbVie ha inequivocabilmente dimostrato la sua dedizione a distribuire uno dei dividendi più generosi del settore. Parlando a questo punto, il rendimento annualizzato del produttore farmaceutico sta attualmente superando il limite del 4%, che è tra i più alti nello spazio biofarmaceutico a grande capitalizzazione. Semplicemente non ci sono molti titoli con dividendi di prim’ordine che offrono quel tipo di rendimento elevato e un livello di sicurezza integrato.

Advertisement

AbbVie, in breve, alla fine si riprenderà da questa debolezza. E, a lungo termine, questo titolo con dividendi dovrebbe tornare a formarsi come un veicolo vincente sul mercato per gli investitori pazienti.

2. Amgen

Amgen è un altro titolo biofarmaceutico a grande capitalizzazione che dovrebbe attrarre la folla del reddito passivo. Il pioniere delle biotecnologie sfoggia un portafoglio di prodotti altamente diversificato composto da cancro, immunologia, medicina generale e farmaci biosimilari.

Nei primi nove mesi del 2022, Amgen ha aumentato il rendimento da dividendi del 10%, ha riacquistato 6 miliardi di dollari di azioni proprie ed ha eseguito due acquisizioni chiave con ChemoCentryx e Horizon Therapeutics. Amgen ha registrato una media di flussi di cassa liberi netti di circa 10 miliardi di dollari all’anno nei quattro anni precedenti.

Qual è il rischio? Amgen ha due colpi contro di essa. Innanzitutto, l’azienda non ha un farmaco di punta in buona fede. Invece, Amgen si affida a a forza-in-numeri approccio per fornire livelli modesti di crescita del fatturato. Questa strategia ha il vantaggio di evitare importanti riduzioni delle entrate man mano che i farmaci stellari perdono l’esclusività, ma tende anche ad avere livelli inferiori di crescita annuale delle entrate.

Advertisement

In secondo luogo, Amgen sta attraversando un forte turnover di prodotti al momento. Per contrastare l’impatto dei farmaci imitatori per i principali generatori di entrate, l’anno scorso la biotecnologia ha speso quasi 28 miliardi di dollari in Horizon Therapeutics, una mossa che dovrebbe rafforzare i suoi franchising di infiammazione e nefrologia.

Qual è la linea di fondo? Amgen ha stabilizzato la nave con l’acquisizione di Horizon e la sua pipeline potrebbe fornire numerosi nuovi prodotti di crescita nei prossimi anni. A loro volta, gli investitori in reddito non dovrebbero esitare a capitalizzare il rendimento annualizzato superiore alla media della società, che attualmente si attesta al 3,24%.

Giorgio Budwell non detiene alcuna posizione in nessuno dei titoli citati. Il Motley Fool consiglia Amgen. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement
Advertisement

Trending