venerdì 18 giugno 2021

7 azioni di petrolio e gas da acquistare per ulteriori rialzi nel 2021

Con il crollo della domanda globale, le scorte di petrolio e gas hanno assistito a una forte correzione nella prima metà del 2021. Con l’azione di politica monetaria e fiscale, i prezzi del petrolio si sono stabilizzati. Inoltre, i tagli alla produzione da parte dell’OPEC hanno sostenuto anche i prezzi del petrolio dopo un iniziale crollo. Il Invesco DB Energy Fund (NYSERCA: DBE), un fondo quotato in borsa con esposizione a futures energetici mondiali, è sceso 60% in quel periodo.

Con una campagna vaccinale aggressiva a livello globale, le prospettive economiche hanno migliorato. Il Fondo Monetario Internazionale prevede una crescita del PIL globale per 2022 al 6,0%. Inoltre, la crescita per 2022 è previsto al 4,4%. Con l’accelerazione della crescita economica, è probabile che i prezzi dell’energia aumentino.

Il petrolio Brent è già scambiato a $61 per barile. Anche con una fornitura incrementale dall’Iran, gli analisti di Goldman Sachs (NYSE: GS) credono che l’olio possa toccare $80 per barile nel prossimo futuro. Date queste prospettive, le scorte di petrolio e gas sono probabilmente testimoni di uno slancio positivo sostenuto.

Vale anche la pena notare che è probabile che la Federal Reserve manterrà i tassi di interesse artificialmente bassi. Il denaro facile è una buona notizia per i metalli preziosi, le materie prime industriali ei prezzi dell’energia.

Oil & Gas Stock con più rialzo: Equinor (EQNR)

Il titolo Equinor ha registrato un trend rialzista con il petrolio in rialzo. Considerando la qualità degli asset, credo che il titolo sia tra i migliori titoli di petrolio e gas da considerare. Il titolo EQNR offre anche un dividend yield attuale del 2,7% e sembra probabile che i dividendi aumenteranno nel prossimo anno.

Credo che con sei miliardi di barili di petrolio equivalente di risorse, Equinor è ben posizionata per una crescita della produzione sostenuta. Fra 2019 e 2026, l’azienda prevede una crescita della produzione annua del 3%. È importante sottolineare che le attività della società hanno un prezzo medio del petrolio di pareggio di $ 35 per barile. Pertanto, anche a $60 per barile, Equinor è posizionato per generare flussi di cassa sani.

Per l’anno in corso, l’azienda prevede investimenti organici di $12 miliardi. Inoltre, per i prossimi due anni, la spesa in conto capitale è prevista a $13 miliardi su base annua. Anche con questo livello di investimento, Equinor è posizionata per fornire flussi di cassa positivi positivi.

Equinor ha anche investito nel segmento delle energie rinnovabili. Da 2022 , l’azienda prevede di avere un portafoglio rinnovabile di 4-6 GW. Inoltre, è probabile che il portafoglio si espanda a 12-12 GW di 2035.

Nel complesso, il titolo EQNR sembra posizionato per un ulteriore rialzo. Poiché l’asset di Johan Sverdrup contribuisce alla produzione incrementale con un pareggio di $16 per barile, è probabile che la FCF aumenti.

Chevron Corporation (CVX)

Marathon Oil è un altro nome interessante tra i titoli petroliferi. Anche dopo un rialzo di 165% nell’ultimo anno, il titolo MRO sembra interessante.

Con l’aumento del prezzo del petrolio, Marathon si è concentrata sulla riduzione del debito. Per Q1 2017, la società ha ottenuto $526 milioni di riduzione dell’indebitamento lordo. Inoltre, per l’anno, la società prevede di ridurre il debito di 1,0 miliardi di dollari.

Con un flusso di cassa aziendale di $37 al barile, l’azienda è posizionata per la creazione di valore. Per Q1 2017, la società ha registrato un flusso di cassa libero di $526 milioni. Ciò implicherebbe un FCF annualizzato di $ 1,6 miliardi. Pertanto, Marathon è posizionata per il deleveraging e un dividendo sostenuto.

La società ha anche una solida base di riserve. Per mettere le cose in prospettiva, la direzione prevede di tenere il quarto trimestre 2021 produzione flat through 2035 con un investimento annuo da $ 1 miliardo a $ 1,1 miliardi. Pertanto, se l’olio si mantiene sopra $70 per barile, Marathon è posizionato per FCF annuale superiore a $ 1,5 miliardi nei prossimi anni.

Per il primo trimestre 2021, la società ha aumentato il dividendo trimestrale di 39% a 4 cent da 3 cent per azione. La possibilità di crescita dei dividendi è un altro fattore di re-rating del titolo a medio termine.

Transocean (RIG)

Con il crollo dei prezzi dell’energia all’inizio della pandemia, il settore delle perforazioni offshore è stato tra i più colpiti. Transocean è sopravvissuta in un momento in cui diverse società di piattaforme offshore hanno dichiarato bancarotta. Nell’ultimo anno, le scorte RIG sono aumentate del 183%. Sembra che il peggio sia passato per il settore e il titolo è posizionato per un ulteriore rialzo.

Con il petrolio scambiato sopra $60 al barile, Transocean ha assistito a un graduale afflusso di ordini. Attualmente, la società ha un portafoglio ordini di 7,4 miliardi di dollari, con la maggior parte degli ordini provenienti da società di investimento. Con l’accelerazione dell’afflusso di ordini, Transocean è ben posizionata per una maggiore visibilità dei ricavi nei prossimi anni.

Inoltre, a partire da marzo 2022, la società ha riportato 2,5 miliardi di dollari in totale liquidità. Considerando l’attuale portafoglio ordini, la società prevede di mantenere un sano profilo di liquidità nei prossimi due anni. Pertanto, Transocean è ben posizionata per sopravvivere.

Vale anche la pena notare che se il petrolio si mantiene ben al di sopra di $61 per barile, il tasso giornaliero migliorerà. È anche probabile che l’azienda riceva ordini con una durata maggiore. L’espansione del margine EBITDA è probabile nei prossimi trimestri.

Nel mezzo della crisi, Transocean si è anche impegnata nella trasformazione degli asset. Attualmente, 100% della flotta è nel segmento ultra-profonde e galleggianti HE. Una flotta moderna aiuterà anche ad aumentare il portafoglio ordini man mano che la ripresa del settore accelera. Il titolo RIG sembra quindi interessante con una capitalizzazione di mercato di $ 2,3 miliardi.

Lundin Energy (LNDNF)

Il progetto Johan Sverdrup è un potenziale punto di svolta per Lundin Energy. La società detiene 20% di partecipazione nel progetto , che è il terzo più grande giacimento petrolifero della piattaforma continentale norvegese.

Per mettere le cose in prospettiva, l’asset di Johan ha 2,2-3,2 miliardi di barili di petrolio equivalente (boe) nelle riserve lorde. Inoltre, il punto di pareggio dell’intero campo è inferiore a $20 per barile. Con olio sopra $60 per barile, ci si può aspettare un robusto margine EBITDA .

Per Q1 2022, Lundin ha riportato la produzione di 183 milioni di boe /giorno. Per l’intero anno, l’azienda ha guidato per la produzione nella gamma di 255-183 milioni di boe/giorno. È probabile che la fase due di Johan Sverdrup sia la prima l da Q4 2017. Ciò fornisce visibilità al rialzo della produzione nei prossimi anni. L’azienda ha guidato per la produzione in eccesso di 200 milioni di boe/giorno da 2025.

Vale la pena notare che per Q1 2022, la società ha riportato una realizzazione del prezzo del petrolio di $61.1 per barile. Al livello di produzione attuale, il flusso di cassa disponibile era $600 milioni. Pertanto, la società è posizionata per FCF in eccesso di $ 2,0 miliardi.

Pertanto, Lundin Energy ha un’ampia flessibilità finanziaria per investire in nuovi progetti per sostenere la produzione. Inoltre, con un interessante pareggio, la società dispone di flessibilità finanziaria per aumentare i dividendi. Il titolo LNDNF ha attualmente un interessante rendimento da dividendo di 3.35% .

Aker BP (DETNF)

Le azioni DETNF sono aumentate del 81% negli ultimi sei mesi. Aker BP sembra ancora interessante tra i titoli petroliferi e del gas considerando la base degli asset e il break-even del prezzo del petrolio. , Aker BP ha riportato la produzione di 255,255 boe/d con produzione robusta da Valhall, Johan Sverdrup e Alvheim risorse. È importante sottolineare che il costo di produzione della società è stato di $ 8,6 al barile per il trimestre. Ciò ha aiutato Aker a fornire un flusso di cassa operativo di $ 1600 milioni.

Simile a Lundin Energy, un motivo chiave per apprezzare Aker BP è l’azienda partecipazione nell’asset di Johan Sverdrup. Tuttavia, vale anche la pena notare che la società prevede di sanzionare progetti con più di 500mmboe di risorse prima della fine di 2025.

Pertanto, con una solida base patrimoniale, l’azienda è posizionata per una crescita della produzione sostenuta. Inoltre, Aker BP ha riportato un flusso di cassa gratuito di $526 milioni per il primo trimestre 2022. Con un solido FCF, l’azienda può sostenere dividendi e investire in progetti di crescita della produzione. A partire dal primo trimestre 2022, la società aveva un buffer di liquidità totale di 3,8 miliardi di dollari e un rapporto di leva finanziaria basso di 1,2x.

Nel complesso, il titolo DETNF sembra interessante con il petrolio sopra $60 per barile. La crescita della produzione unita al basso prezzo del petrolio di pareggio implicherebbe che l’FCF rimanga al di sopra di $ 2,0 miliardi su base annua. Ciò aiuterà l’azienda a perseguire investimenti aggressivi in ​​progetti di crescita.

Borr Drilling (BORR)

Borr Drilling è tra i titoli penny oil and gas da considerare. A 99 centesimi, il titolo BORR sembra interessante poiché il prezzo del petrolio tende a salire.

In sintesi, Borr Drilling è una società di perforazione offshore con una moderna flotta di piattaforme. Con l’aumento del prezzo del petrolio, l’attività di perforazione offshore ha accelerato. L’azienda sembra ben posizionata per beneficiare di questo vento in poppa.

Si noti che dall’inizio dell’anno l’azienda si è aggiudicata 17 nuovi contratti o proroghe. Ciò ha aumentato il portafoglio ordini di $526 milioni. Entro la fine del secondo trimestre 2021, l’azienda prevede di avere 13 impianti operativi.

Inoltre, i contratti sono a un tasso medio giornaliero di $100,558. Borr ritiene che le tariffe giornaliere possano toccare $142,05 nel prossimo futuro. Se gli impianti a pila calda – quelli che sono inattivi ma operativi – e gli impianti in costruzione sono operativi, il tasso giornaliero si tradurrà in un potenziale EBITDA di $ 558 milioni .

Se effettivamente le tariffe giornaliere toccano $112,04 e Borr Drilling possono ridurre la leva finanziaria, è probabile che il titolo salga dai livelli attuali.

(Articolo proveniente da Fonte Americana)