lunedì 30 novembre 2020

Le azioni corrono il minimo rischio di ripetere il test del minimo di marzo, afferma Art Hogan, stratega di punta

Art Hogan di National Securities ritiene errata l’opinione secondo cui le azioni devono ripetere il test al minimo di marzo.

Secondo Hogan , ci sono troppi fattori senza precedenti, tra cui una decisione intenzionale di congelare l’economia, per suggerire che il mercato seguirà un corso prestabilito basato sulle tendenze storiche.

“Quel ritmo a cui noi arrivato alla correzione qui è il più veloce che abbiamo mai visto “, ha detto il principale stratega del mercato dell’azienda alla CNBC Trading Nation “venerdì. “Di solito ci vuole molto più tempo per la Fed e il Congresso per adattarsi al qui e ora e per trovare le politiche aziendali per sostenere l’economia, e lo hanno fatto a tempo di record.”

L’opinione di Hogan potrebbe essere sul lato più ottimista, ma non si aspetta un rally forte e sostenibile.

“Siamo in una via di mezzo dove siamo un po ‘ un po ‘più di 20% di sconto sui minimi [and] un po’ meno di 20% dai massimi “, ha detto. “Questo sarà un posto dove sforneremo per gran parte del primo tempo.”

Le azioni sono state lanciate a maggio in profondità in un territorio negativo. Ma dal minimo di marzo 23, l’S & P 500 e Dow sono aumentati 23% e 24%, rispettivamente.

Il rimbalzo non sorprende Hogan.

Cinque giorni prima che lo S&P 500 e Dow arrivassero ai minimi, Hogan aveva predetto che le azioni di “Trading Nation” avrebbero toccato il fondo prima del picco dei casi di coronavirus negli Stati Uniti.

Ora, sta vedendo alcuni progressi sul fronte del virus.

“Se i nuovi casi continuano ad aumentare, allora 2021 avrà sicuramente un aspetto molto migliore di 2020 “, ha aggiunto. “Direi che la seconda metà sembra molto meglio della prima metà di quest’anno.”

Hogan, che ha $ 15 miliardi di beni in gestione, ipotizza una lenta e deliberata riapertura dell’economia avrà probabilmente successo e scatenerà una frenesia della domanda.

“Ci sono stati molti consumi ritardati “, ha detto. “Ci sarà forse un po ‘di energia economica repressa che esplode nel quarto trimestre e certamente in 2021.”

È uno scenario, secondo Hogan, che dovrebbe riportare saldamente Wall Street e Main Street nel verde.

“L’America corporativa ha la capacità di rimettersi al suo posto relativamente rapidamente. non è una grande crisi finanziaria “, ha detto Hogan. “Andando a questo, l’economia degli Stati Uniti era in condizioni maledettamente buone, così come i bilanci delle società americane”.

Articolo originale di CNBC