sabato 24 ottobre 2020

Maggiori difficoltà per i giovani che cercano opportunità lavorative

Sempre meno richieste per i tirocini

La situazione economica e il mercato del lavoro in Italia destano preoccupazione. Secondo i dati diffusi nelle scorse settimane a causa dell’emergenza sanitaria, tra gennaio e luglio 2020 la produzione industriale è diminuita del 16,8% rispetto al 2019, e nel secondo trimestre dell’anno si è registrato il -2% degli occupati con la perdita di 841 mila posti di lavoro.

I giovani che cercano di entrare nel mondo del lavoro per la prima volta hanno una difficoltà maggiore data la situazione attuale. Il Covid, infatti, ha determinato anche una riduzione dei contratti di lavoro per i tirocinanti, soprattutto per quei giovani italiani sotto i 35 anni che intraprendono la carriera lavorativa.

Eleanor Voltolina, fondatrice e direttrice di Repubblica degli Stagisti, spiega che il Covid-19 ha causato il collasso. “Le opportunità di stage nei primi sei mesi del 2020 sono state la metà rispetto allo stesso periodo dell’anno 2019”.

I dati di oggi a confronto con l’anno precedente

Per riassumere, il primo e il secondo trimestre del 2020, sulla base dei dati sull’andamento degli stage extracurriculari (gli unici che vengono tracciati e conteggiati) per i primi due trimestri del 2020, elaborati dal quotidiano on line Repubblica degli Stagisti, risultano 96.376 gli stage in Italia a confronto dello stesso semestre dell’anno precedente, sono state registrate 185.152 attivazioni, quindi la riduzione delle opportunità di stage è del 48% nel primo semestre del 2020.

“Questa crisi, dovuta al Covid, purtroppo avrà un impatto devastante sui giovani e rafforzerà ulteriormente il sistema di welfare delle famiglie già in bilico, minando i risparmi dei genitori e le pensioni dei nonni, lasciando le giovani generazioni senza prospettive di reddito”.

Se questo tipo di situazione persiste, avrà conseguenze devastanti: “dobbiamo tenere traccia dei dati molto da vicino, discuterli pubblicamente, sviluppare proposte politiche. I giovani non possono essere lasciati a se stessi, con l’amarezza e il rammarico di essere stati così sfortunati ad entrare nel mondo del lavoro in questo momento storico e di aver trovato meno opportunità”.

“Questo enorme calo, ovviamente, è avvenuto proprio nel secondo trimestre, quando c’è stato il lockdown”, dice Voltolina. “Nei primi tre mesi del 2020 il calo è stato solo del 18% rispetto al 2019 e tra aprile e giugno si è registrato un crollo del 73%, con quasi tre quarti delle opportunità di stage in calo”.

Il secondo trimestre ha visto il 4% in più di opportunità di stage per gli uomini e il 4% in meno per le donne. “In alcuni casi, il lavoro delle donne comincia ad essere considerato da alcuni datori di lavoro meno del lavoro degli uomini. Allo stesso tempo è importante, sottolinea, che le donne possano continuare ad avere le stesse opportunità degli uomini, anche nell’era del Covid”.

I settori più colpiti dalla crisi

Il settore che ha registrato la maggiore diminuzione di stage nei primi sei mesi del 2020 a livello nazionale è stato proprio il settore dell’ospitalità, nello specifico hotel e ristoranti. “Un settore che ovviamente ha bisogno di essere inteso in senso lato, e che quindi comprende anche ostelli, campeggi, villaggi turistici, bar, gelaterie, mense”, dice il direttore della Repubblica di Pasantes. Tra gennaio e giugno di quest’anno, il settore ha impiegato poco più di 8.000 tirocini extracurriculari: il 62% in meno rispetto agli oltre 21.000 dell’anno scorso ”.

Nella pubblica amministrazione, nell’istruzione e nella sanità, il calo è stato minimo, appena il 38%.
Inoltre, e un po ‘sorprendentemente, anche il settore delle costruzioni non sembra aver avuto un impatto significativo sulla situazione, con un calo registrato del 39%.

La Lombardia è la regione con dati più rosei: un quinto degli stage di tutta Italia, (ricordandoci che nel mondo del lavoro è considerata il motore portante del Paese da anni), vanta numeri altissimi tra formazione e lavoro.