sabato 18 settembre 2021

Oggi é la Giornata Mondiale senza Sacchetti di Plastica

Parliamo oggi del grandissimo problema dei “sacchetti usa e getta” proprio in occasione della Giornata Mondiale senza Sacchetti di Plastica che si festeggia il 12 settembre 2021. Istituita nel 2009 da The Marine Conservation Society, la giornata ha l’obiettivo di sensibilizzare sull’inquinamento ambientale causato da tonnellate di buste di plastica.

Si stima che in media ogni anno un cittadino europeo consumi 198 sacchetti di plastica di cui il 90% sono monouso. I sacchetti di plastica sono usati per una media di 20 minuti ciascuno, poi  fluttuano indisturbate tra fondali e superficie e possono essere accidentalmente ingerite da pesci, tartarughe e tante altre specie acquatiche.

Un sacchetto ha bisogno di diversi secoli per degradarsi completamente, oltre a considerare che viene prodotto con il petrolio, la cui presenza nell’ambiente causa la morte di molti animali. Occorre arginare questo grande problema e per questo sono nate numerosissime iniziative.

La plastica é pericolosa soprattutto quando non viene smaltita in modo giusto, ed è un grande pericolo per il nostro micro sistema. Gli oceani sono quelli più a rischio perché assorbono quasi un terzo dell’anidride carbonica prodotta e  sono sempre più in crisi. Si stima che siano infatti inquinati, ogni anno,  da oltre 13 milioni di tonnellate di plastica tra bottigliette, mascherine, guanti, flaconi di detersivi e borse monouso. Secondo i dati dell’Associazione MCS ( ente no profit inglese il cui scopo è quello di conservare al meglio l’ecosistema marino) infatti sui fondali del mare si depositano due milioni di pezzi di microplastiche per metro quadrato. Queste particelle minuscole vengono ingerite da pesci e crostacei. Inquinando i pesci di cui poi ci nutriamo accade che la plastica possa finire sulle nostre tavole e ingerita.

Anche se nel Belpaese le buste del supermercato sono già realizzate in materiali biodegradabili, vi sono ancora tantissimi sacchetti di plastica in circolazione e potremmo sostituirle facilmente con  comode shopper realizzate con fibre naturali, lavabili e in grado di durate di più. Egualmente  sacchetti con cui si conservano i cibi potrebbero essere sostituiti con barattoli in vetro.