Entra in contatto con noi

Lifestyle

Stitichezza: le difficoltà nell’espletare la funzione intestinale

Pubblicato

il

Costipazione, intestino pigro, stitichezza: tanti nomi per descrivere un disturbo molto sgradevole e diffuso soprattutto tra le donne.

I motivi che possono causarlo sono tanti e tra questi giocano un ruolo determinante una dieta sregolata e uno stile di vita eccessivamente sedentario. Inoltre, almeno una donna su due soffre di stitichezza durante la gravidanza a causa dei cambiamenti ormonali caratteristici di questo periodo. Anche i bambini spesso soffrono di stitichezza.

Un utile rimedio per la stitichezza è mangiare frutta o bevande, oltre a molta acqua, tisane e succhi, che hanno un effetto lassativo naturale e aiutano a far ripartire un lieve torpore intestinale.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Puoi anche usare lassativi, ma sempre con moderazione. Molte volte si tende ad usarli senza timore perché sono liberamente reperibili in farmacia o in erboristeria, ma bisogna ricordare che non sono sicuri. In Italia si stima che almeno il 15% della popolazione soffra di questo disturbo, con un’incidenza maggiore tra le donne e gli anziani.
Oltre ai frequenti movimenti intestinali, la stitichezza può presentarsi anche con altri sintomi, tra cui:

durezza e forma irregolare delle feci.
Sensazione di evacuazione incompleta.
Sforzo eccessivo e prolungato durante i movimenti intestinali.
Sensazione di “blocco” dell’intestino, con dolore e crampi all’addome.
Altri effetti collaterali della stitichezza possono variare dall’alitosi alla ritenzione idrica, dal gonfiore alla sonnolenza dopo i pasti, alle emorroidi e alle ragadi, per lo più causate da feci dure e tensione costante. La stitichezza è considerata cronica se dura più di 6 mesi. In questo caso può essere dovuto a disfunzioni motorie intestinali e/o anorettali oa patologie quali diverticolosi, malattie infiammatorie croniche intestinali, cancro del colon-retto.

Può anche essere un sintomo della sindrome dell’intestino irritabile, in cui si alternano costipazione e diarrea.

Advertisement

Anche le malattie metaboliche come il diabete e l’ipotiroidismo, così come le malattie neurologiche (morbo di Parkinson, sclerosi multipla) possono essere accompagnate da costipazione.

Questo disturbo può anche essere associato a farmaci che rallentano il movimento delle feci attraverso l’intestino (p. es., antidolorifici, antiacidi, antidepressivi). Questo tipo di stitichezza compare solitamente dalla nascita o può manifestarsi come una malattia organica dovuta a patologie.

In presenza di costipazione, prima di tutto, viene eseguita un’anamnesi approfondita e un esame clinico del paziente.

L’approccio diagnostico dovrà identificare una causa organica o funzionale della stitichezza e può variare a seconda dei sintomi e delle prove riscontrate clinicamente, eventualmente coinvolgendo anche studi di imaging più approfonditi.

Advertisement
Advertisement

Trending