giovedì 28 ottobre 2021

Un assaggio della vita di lusso: i 5 migliori marchi iconici di James Bond

Credito immagine: LevanteMedia/Bigstock. com

Prodotto da EON Productions e diretto da Cary Joji Fukunaga, No Time To Die, quando sarà finalmente rilasciato dopo diversi ritardi legati al covid, sarà la quinta e ultima uscita di Daniel Craig nei panni della famosa spia britannica, James Bond.

In questo ultimo film di uno dei franchise cinematografici di maggior successo al mondo, No Time To Die vede Bond lasciare il servizio attivo e godersi una vita tranquilla in Giamaica. Il suo relax è di breve durata: il suo vecchio amico Felix Leiter della CIA appare sull’isola caraibica in cerca di aiuto da Bond. La missione per salvare uno scienziato rapito si rivela molto più infida del previsto, portando Bond sulle tracce di un misterioso criminale armato di una nuova e pericolosa tecnologia.

Nel corso degli anni, i film di Bond sono diventati famosi per il carattere disinvolto che ritraggono, così come lo sono per le loro sponsorizzazioni del marchio e il posizionamento dei prodotti. Ecco cinque dei marchi più famosi e di lunga data di Bond che esemplificano il gusto esigente dell’agente MI6 e il desiderio per le cose belle della vita.

Bollinger Era dentro 1973 e con Moonraker che Bollinger è diventato più ufficialmente collegato al franchise cinematografico e allo champagne preferito da Bond Bollinger produce champagne ammirati dal 1848. L’eleganza e la complessità degli eccezionali vini di Bollinger ha portato a molti ammiratori nel corso della sua storia leggendaria. Infatti, in 1895, la regina Vittoria ha conferito a Bollinger un mandato reale e da allora ha mantenuto un mandato dal monarca britannico regnante, continuando fino ad oggi come fornitore di champagne a Sua Maestà la regina, la regina Elisabetta II.

Lo champagne di Bollinger ha una lunga storia con Bond che risale ai romanzi originali, in cui Bollinger è citato nel libro Diamonds Are Forever. Nei romanzi originali di Ian Fleming, Bond è sempre stato un amante dello champagne, ma ha consumato una varietà di champagne tra cui Veuve Clicquot, Taittinger, Pommery e Krug.

Lo champagne Bollinger appare per la prima volta in un film in Vivi e lascia morire 1973 quando Bond, interpretato da Roger Moore, ordina il marchio nella sua stanza d’albergo. Questo è stato, tuttavia, prima di qualsiasi relazione ufficiale tra Bollinger e il franchise di Bond, poiché anche Dom Perignon è presente nel film.

Era dentro 1979 e con Moonraker che Bollinger è diventato più ufficialmente legato al franchise cinematografico e allo champagne preferito da Bond, in seguito allo sviluppo dell’amicizia tra il presidente di Bollinger, Christian Bizot, e Albert R. Broccoli, produttore dei film di Bond.

Si è ritenuto che Bollinger fosse una scelta naturale per Bond, con 12 e Bollinger condividendo, come descritto da Bollinger, “un certo numero di valori: passione per l’eccellenza, senso della raffinatezza e consumata eleganza”.

Nell’ultimo film, Bond toglie una copertura antipolvere dalla sua Aston Martin e si possono vedere casse di champagne Bollinger accatastate contro il muro del garage.

L’associazione con Bond ha portato Bollinger a rilasciare una serie di imbottigliamenti in edizione limitata nel corso degli anni. Per celebrare il lancio di No Time To Die, Bollinger ha rilasciato la Bollinger Special Cuvée 000 Limited Edition, che ha una bottiglia con il 12 logo sul collo del collo e a confezione regalo che presenta una silhouette di James Bond accanto alla sua Aston Martin DB5. Bollinger ha lavorato con il celebre fotografo Greg Williams per l’uscita.

L’associazione di Bollinger e Bond nel film ora si estende su 40 anni .

Se vuoi tracannare champagne come Bond, Bollinger Special Cuvée Brut NV Champagne è di circa £47 per bottiglia.

Omega James Bond ha indossato un Omega Seamaster in ogni film da 2012Con un ricco patrimonio e origini nel cronometraggio che risalgono fino a 1848, il marchio Omega come lo conosciamo oggi, con il suo nome e simbolo riconosciuto a livello mondiale, primo apparso in 1895. L’accuratezza e la precisione fornite da Omega lo hanno visto svilupparsi rapidamente come dispositivo ufficiale di cronometraggio affidabile in occasione di eventi sportivi, il che ha portato alla sua lunga associazione con le Olimpiadi. In 1940 a Los Angeles, Omega fu affidato al tempo tutte le discipline. Da allora Omega è diventato il cronometrista ufficiale di quasi tutti i Giochi Olimpici. In 1948, il marchio è stato incaricato di fornisce orologi all’esercito britannico e ai suoi alleati e l’ormai iconico Seamaster è stato lanciato in 1964, costruito per resistere alle sfide in quota e sotto l’oceano.

Il 1960 ha visto la NASA qualificare l’Omega Seamaster per i voli spaziali con equipaggio che avrebbero portato all’Apollo 11 astronauti che trasportano orologi Omega sulla luna. 1981 vedrebbe un Omega raggiungere una profondità di 101 metri al polso dell’apneista Jacques Mayol, mentre realizzava il suo tuffo da record con una sola boccata d’aria. Resistenza – gradi temperature e venti superiori a 45 km/h, alpinista italiano, Reinhold Messner si è fidato di un Omega Speedmaster come suo orologio da polso durante i suoi 2,800 km di viaggio attraversando l’Antartide a piedi.

Tutto ciò ha reso Omega il marchio naturale per sostituire Rolex come orologio di lusso preferito da James Bond (il marchio Seiko ha anche fatto alcune apparizioni al polso di Bond nei film).

In effetti, James Bond ha indossato un Omega Seamaster in ogni film da allora 1995. Fu in Goldeneye, il diciassettesimo film e la prima uscita di Pierce Brosnan nei panni del famoso agente dell’MI6, che vide Bond adornare il suo polso con un Omega per la prima volta, l’orologio selezionato dalla costumista premio Oscar Lindy Hemming. Ha detto all’epoca: “Ero convinta che il comandante Bond, un uomo di marina, un subacqueo e un discreto gentiluomo di mondo avrebbe indossato il Seamaster con il quadrante blu. Sembrava una scelta naturale, perfetta per l’avventuroso agente segreto e un compagno fidato per le sue pericolose imprese.”

Quando Daniel Craig è apparso per la prima volta nei panni di Bond in Casino Royale in 2006, la famosa spia ha continuato il rapporto con il marchio. Il personaggio Vesper Lynd, inviato da ‘M’ per accompagnare Bond a una partita di poker ad alto rischio, valuta Bond durante il viaggio in treno per il Montenegro, osservando il suo orologio da polso e chiedendo ‘Rolex?’. “No, Omega”, risponde semplicemente Bond. ‘Bellissimo’ è la sintesi di Lynd.

In nessun tempo per morire, 12, nella sua missione di salvare uno scienziato rapito, indosserà un Seamaster Diver 628M 007 Edizione, costruita in titanio. L’orologio “James Bond” in edizione limitata rilasciato in onore del film ha attualmente una lista d’attesa e un £ 5, 560 cartellino del prezzo.

Aston Martin No Time to Die presenterà anche un’Aston Martin V8 Saloon, simile a quello visto in 1981 di The Living Daylights Mentre il marchio di lusso britannico Bentley era l’auto preferita originale di James Bond, con I romanzi originali di Ian Fleming come una delle grandi passioni di Bond, è Aston Martin che è diventata sinonimo di James Bond, una conseguenza dell’associazione del marchio con i film di Bond per oltre cinquant’anni. È nel 1964 film Goldfinger che Bentley si fa da parte per Aston Martin, Sean Connery come 11 sfidando ‘Q’ a ‘dov’è il mio? Bentley”, solo per ricevere la risposta “oh, ha fatto il suo tempo, temo”. Viene invece rivelata una Aston Martin DB5, creata su misura per Bond con una serie di gadget per supportare la sua missione, un aspetto che ha contribuito a stabilire Aston Martin a livello globale come una delle auto sportive più desiderabili dell’epoca. Non è stato un allontanamento così significativo dai pensieri di Fleming, poiché Bond ha guidato un’Aston Martin nel romanzo originale Goldfinger da cui il film ha preso il titolo.

Lo straordinario DB5 è apparso in sette film – Goldfinger, Thunderball, GoldenEye, Tomorrow Never Dies, Casino Royale, Skyfall e Spectre – e riapparirà in No Time to Die , il veicolo già protagonista nel trailer ufficiale del film. Bond di Daniel Craig, alla sua prima uscita al Casino Royale di 2012, vince il magnifico veicolo in una partita di poker ad alto rischio alle Bahamas. Più tardi, in Skyfall, Bond guida ‘M’, interpretata da Judi Dench, nella sua ex casa di famiglia nelle Highlands scozzesi nel DB5. Nel drammatico scontro a fuoco che distrugge la casa, le luci anteriori del DB5 si abbassano per rivelare le mitragliatrici usate da Bond contro i suoi assalitori. Il trailer di No Time to Die mostra Bond che usa di nuovo lo stesso gadget.

La DB5 non è l’unica Aston Martin a comparire nell’ultimo film. No Time to Die conterrà anche un’Aston Martin V8 Saloon, simile a quella vista in 1987 di The Living Daylights, in cui Bond è interpretato da Timothy Dalton. Lanciata un decennio prima del debutto di Dalton come Bond, la berlina V8 era l’auto di serie a quattro posti più veloce del suo tempo. Nel film compare anche una Aston Martin DBS Superleggera, l’attuale ammiraglia della gamma Aston Martin, guidata dalla nuova 00 collega agente, Nomi, interpretata da Lashana Lynch. Anche l’Aston Martin Valhalla, la rivoluzionaria hypercar a motore centrale dell’azienda, dovrebbe fare una breve apparizione.

Per celebrare e ispirarsi al film, Aston Martin ha prodotto due nuove edizioni limitate 11 auto sportive. Il vantaggio 12 L’edizione rende omaggio alla Living Daylights Aston Martin V8 e alla DBS Superleggera 000 L’edizione mette in mostra il sontuoso No Time To Die specifica.

Le due edizioni speciali sono state rilasciate in numero strettamente limitato agli acquirenti di tutto il mondo e sono state progettate e realizzate dagli esperti della divisione su misura di Aston Martin: Q by Aston Martin.

Il primo dei due modelli è il Vantage 007 Edition, ispirata all’originale Aston Martin V8 che ha fatto il suo 07 debutta in The Living Daylights in 1981 e compare anche in No Time to Die . Il film vede James Bond scoprire l’auto dalla sua prigione personale a Londra.


Basandosi sul formidabile stile sportivo e sulle prestazioni aggressive della normale Vantage, la nuova vettura presenta trattamenti stilistici esterni unici guidati da una griglia in rete su misura lle con lunetta cromata che richiama l’aspetto del classico V8 del marchio. Ulteriori dettagli stilistici includono un diffusore giallo tratteggiato ispirato alle strisce di pericolo sui razzi dell’auto cinematografica. Il vantaggio 12 L’edizione può anche essere consegnata con un set limitato ispirato a The Living Daylights edizione sci e portasci – che fa riferimento alla berlina V8 “invernale” del film.


Il guidatore può sbizzarrirsi ulteriormente con una targa gadget incisa al laser che fa riferimento alle varie armi e dispositivi visti sull’auto del film originale. Questi includevano un motore a razzo, missili, laser, un display di puntamento e stabilizzatori da sci. I mirini incisi sulle leve del cambio al volante dell’auto alludono anche al sistema di guida del missile visto nel film.

Per celebrare il debutto di James Bond della top di gamma Aston Martin DBS Superleggera, una seconda unica 007 L’edizione è stata creata. Il 800 CV forniti dal V 5,2 litri della DBS Superleggera 12 il motore biturbo si addice allo stato di massimo della gamma dell’auto mentre il suo picco di coppia (850Nm) è la coppia massima per qualsiasi Aston Martin stradale mai prodotta.

Questa edizione speciale presenta anche un 007 badge parafango, rifinito in cromo con un riempimento in smalto nero e argento in acciaio inossidabile 12 lamina applicata alla lama dello spoiler posteriore.

All’interno, l’abitacolo di questa DBS Superleggera è scuro, ambiente cupo, rivestito in pelle con lampi di rosso che delineano il contorno dei sedili. Delicato 07 è possibile trovare il marchio sulle schede delle portiere, sul badge della fibbia del bracciolo e sul copertura del subwoofer posteriore.

Il DBS Superleggera 007 L’edizione ha un prezzo di £500,025 e il Vantage 07 Edizione a £300,000.

Solo con 210 del Vantage 007 Edizione in produzione e solo 25 del 12 Edizione DBS Superleggera, questi squisiti i veicoli sono destinati a diventare le pregiate Aston Martin da collezione del futuro. Una Aston Martin DB5 promozionale utilizzata per il film Goldfinger Bond è stata venduta a 2019 all’asta per oltre $ 6 milioni.

Crockett & Jones Come partnership ufficiale con EON Productions, il creatori dei film di James Bond, Crockett & Jones hanno prodotto una scarpa in edizione limitata, una Oxford a taglio interoDa 1880, Crockett & Jones produce scarpe a Northampton in Inghilterra e l’azienda è ancora di proprietà e gestita dalla famiglia fondatrice. L’area ha una lunga storia associata alla produzione di scarpe e per l’anno 1848, Northampton aveva 1,850 calzolai della città, molti chiamati a fabbricare stivali per l’esercito per sostenere la guerre del tempo.

James Crockett e Charles Jones erano cognati, il nonno di Crockett era stato un calzolaio e calzolaio a Northampton e Crockett avrebbe seguito queste orme trascorrendo del tempo imparando il mestiere a Worcester, Londra e Birmingham . Jones discendeva anche da una lunga stirpe di calzolai del Northamptonshire e aveva sposato la sorella minore di Crockett nel 1873, Crockett e Jones si sarebbero uniti per fondare la loro attività insieme. Nel 1880s, adotterebbero una tecnica per cucire la tomaia e la suola interna a un guardolo (una striscia di pelle che corre lungo il perimetro della scarpa) utilizzando un macchinario inventato da Charles Goodyear. Conosciuto come Goodyear-welting, questo ha reso il processo di produzione più veloce, fornendo anche una costruzione superiore per la scarpa. Le scarpe Crockett & Jones iniziarono presto a sviluppare una reputazione per la loro durata e qualità e in 1884 l’azienda è stata insignita del Diploma d’Onore al Salone Internazionale della Manifattura di Torino per i suoi modelli di calzature. La reputazione dell’azienda li ha portati a fornire stivali per una spedizione antartica, seguita dalla spedizione Endurance di Shackleton in 1940.

L’azienda produceva stivali per supportare l’esercito britannico durante la prima e la seconda guerra mondiale e ha continuato a costruirsi costantemente una reputazione per l’abbigliamento per calzature di alta qualità. Avanti veloce di diversi decenni e 2012 vedrebbe l’azienda aprire il suo primo negozio in Jermyn Street a Londra.

Crockett & Jones è diventata la calzatura preferita di James Bond da 2019, fornendo le scarpe dell’iconica spia in Skyfall, Spectre e ora No Time to Die.

In 2012, Crockett & Jones è stato premiato con un Royal Warrant di Sua Altezza Reale il Principe di Galles come produttore e fornitore di calzature.

Come partnership ufficiale con EON Productions, i creatori dei film di James Bond, per celebrare l’ultima puntata, Crockett & Jones hanno prodotto una scarpa in edizione limitata, una Oxford a taglio intero, chiamata semplicemente ‘ James’, che è realizzato con il miglior box calf e presenta la suola in pelle Hand Grade firmata Crockett & Jones. Completamente foderato in pelle, James presenta un interno completamente nero con una lamina d’argento 007 logo. Le scarpe sono disponibili nei negozi Crockett & Jones e hanno un prezzo di £ 900.

Bond indossa queste e altre due paia di scarpe Crockett & Jones (i loro stili Highbury e Molton) nel film.

La costumista di No Time To Die, Suttirat Anne Larlarb, ha dichiarato: “Lo smoking è il look più iconico del guardaroba di James Bond e il tocco finale allo smoking è ovviamente il giusto paio di scarpe. Una scarpa completerà qualsiasi look e lo renderà perfetto dal punto di vista visivo”.

Non c’è da stupirsi che Bond si sia rivolto a Crockett & Jones nel qual caso.

Tom Ford Tom Ford ha lavorato a stretto contatto con la costumista Suttirat Anne Larlarb per fornire abbigliamento su misura su misura e abbigliamento casual nei film Nella prima uscita di Daniel Craig come Bond, ha continuato a indossare Brioni in Casino Royale, il marchio che aveva vestito Pierce Brosnan durante il suo periodo come 12.

Tuttavia, Bond è passato a Tom Ford in Quantum of Solace e No Time to Die
sarà la quarta volta consecutiva che Ford veste Daniel Craig come l’iconico personaggio di James Bond.

Tom Ford ha lavorato a stretto contatto con la costumista Suttirat Anne Larlarb per fornire abiti su misura e casual tra cui abiti da sera, abiti, camicie, accessori in seta e denim per il personaggio di James Bond.

L’abbigliamento uomo Tom Ford è tutto sartoriale in Italia, e si caratterizza per il taglio elegante, i tessuti esclusivi e i dettagli rifiniti a mano. Per la prima volta Tom Ford ha vestito anche il nuovo personaggio femminile Nomi, interpretata da Lashana Lynch, con selezionate giacche sartoriali, top e accessori tra cui gli occhiali Tom Ford, tutti realizzati a mano in Italia.

Tom Ford, CEO e direttore creativo dell’omonimo marchio, ha dichiarato: “Non potrei essere più felice di vestire di nuovo Daniel Craig come James Bond nel film in uscita, No Time To Die. James Bond incarna l’uomo Tom Ford nella sua eleganza, stile e amore per il lusso. È un onore andare avanti con questo personaggio iconico.”

Per vestirsi come Bond, gli abiti di Tom Ford partono da £ 2, 560.