Entra in contatto con noi

Mercati americani

Le azioni petrolifere possono portare i mercati al rialzo nel 2023?

Pubblicato

il

Ultimamente i mercati azionari hanno portato gli investitori sulle montagne russe, con un’oscillazione incessante tra giorni di rialzo e giorni di ribasso. Venerdì, gli investitori rialzisti hanno avuto la meglio, inviando il Media industriale del Dow Jones (^DJI 0,53%) e S&P 500 (^GSPC 0,59%) in aumento di oltre lo 0,5%. Il Nasdaq Composito‘S (^IXIC 0,21%) il guadagno è stato più modesto, estendendo la narrazione che si è svolta per quasi tutto il 2022.

Indice

Variazione percentuale giornaliera

Cambio punti giornaliero

Advertisement

Dow

0,53%

176

S&P 500

Advertisement

0,59%

22

Nasdaq

0,21%

Advertisement

22

Fonte dati: Yahoo! Finanza.

Anche se alcuni titoli tecnologici hanno continuato a lottare venerdì, il settore con le migliori prestazioni del mercato del 2022 ha riaffermato ancora una volta il suo dominio su Wall Street. Scorte energetiche si è mosso nettamente al rialzo e molti credono che, anche se quest’anno hanno prodotto enormi guadagni, le più grandi società di petrolio e gas naturale potrebbero ancora una volta avere un impatto positivo sul mercato azionario nel 2023.

Come sono andate le azioni energetiche venerdì

Molti titoli del settore energetico hanno registrato solidi guadagni venerdì. Tra i nomi più importanti, componente Dow Chevron (CVX 3,09%) è aumentato del 3%, mentre il gigante petrolifero ExxonMobil ha chiuso la sessione in rialzo del 2,6%.

Advertisement

Alcune aziende più piccole hanno registrato guadagni ancora maggiori. Società di esplorazione e produzione ConocoPhillips ha chiuso la giornata con oltre il 4% in più, mentre APA è aumentato di quasi il 6% e Energia degli accordi ottenuto un guadagno del 5%.

Anche gli specialisti dei servizi petroliferi hanno beneficiato di guadagni. SLB e Baker Hughes ciascuno ha raccolto circa il 3% nel corso della giornata, mentre Halliburton è aumentato del 4%.

Anche le aziende di raffinazione hanno aderito al clima positivo. Energia Valero ha chiuso la giornata di negoziazione in rialzo del 4%, mentre Maratona Petrolio ha registrato un guadagno del 3,1% e Filippo 66 è aumentato del 3,4%.

L’aumento dei prezzi dell’energia sta aiutando le azioni

I rialzi dei titoli energetici sono stati trainati in gran parte dagli aumenti dei prezzi delle materie prime energetiche. Il greggio West Texas Intermediate ha chiuso in rialzo di quasi $ 2 al barile, avvicinandosi alla soglia degli 80 dollari. Il greggio Brent è salito di oltre $ 2,50 al barile, superando gli $ 84.

Advertisement

I prodotti raffinati hanno registrato guadagni ancora maggiori su base percentuale. I futures sulla benzina sono aumentati di oltre $ 0,12 al gallone a $ 2,38, mentre anche il gasolio da riscaldamento è aumentato di $ 0,12 al gallone a $ 3,21. I prezzi del gas naturale sono saliti di $ 0,09 per chiudere la giornata sopra i $ 5.

Cosa arriverà nel 2023?

Gli investitori a lungo termine devono ricordare, tuttavia, che molti dei fattori che muovono i titoli energetici di giorno in giorno sono fugaci per natura. Ad esempio, molti partecipanti al mercato dell’energia hanno affermato che le preoccupazioni per l’impatto della massiccia tempesta invernale che ha colpito gran parte degli Stati Uniti questa settimana stanno influenzando i prezzi, con particolare preoccupazione che il clima freddo e nevoso costringerà la produzione e l’attività di raffinazione a un temporaneo arresto. Ciò non avrà necessariamente alcun impatto duraturo sulla domanda e sull’offerta a lungo termine, ma potrebbe produrre una volatilità significativa nei mercati dell’energia per un periodo di giorni o settimane.

Ci sono, tuttavia, alcune cose che potrebbero accadere nel 2023 che potrebbero potenzialmente inviare prezzi dell’energia più alti. L’economia cinese è stata lenta in parte a causa delle sue restrizioni pandemiche, ma con l’avanzare dell’allentamento delle sue politiche zero-COVID, la sua domanda di energia potrebbe aumentare notevolmente. Inoltre, se la guerra in Ucraina continua, potremmo vedere tagli alla produzione dalla Russia, uno dei principali esportatori di materie prime energetiche, poiché i limiti di prezzo imposti al greggio russo hanno già portato il Cremlino ad annunciare che stava tagliando i volumi.

Allo stesso tempo, però, alcuni altri eventi potrebbero pesare sul settore energetico. Una recessione negli Stati Uniti e in altre grandi economie mondiali potrebbe ridurre l’attività industriale globale, diminuendo la domanda di energia. Inoltre, se la guerra tra Russia e Ucraina dovesse finire, ciò potrebbe portare alla rimozione o alla riduzione delle sanzioni, che a sua volta potrebbe portare a maggiori forniture di petrolio e gas naturale che colpiscono il mercato.

Advertisement

Ciò su cui gli investitori non dovrebbero contare, tuttavia, è che i titoli energetici ripetano nel 2023 l’aumento del 62% registrato finora nel 2022. Anche in scenari positivi, sono molto più probabili guadagni più modesti e sarà interessante vedere come tutto andrà a finire nell’anno a venire.

Dan Caplinger non detiene alcuna posizione in nessuno dei titoli citati. The Motley Fool ha posizioni e raccomanda Apa. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement

Trending