martedì 19 ottobre 2021

SEDIA il nuovo progetto Green dell’ Università di Roma Tor Vergata

Arriva la panchina ecosostenibile direttamente dagli studenti dell’ateneo romano, pronti a realizzare idee Green per salvaguardare l’ambiente

Il Progetto SEDIA é nato per dell’esigenza di fondere soluzioni in grado di unire  relax ed energie rinnovabili. Il progetto parte da un’idea: “A volte non è nemmeno necessario alzarsi dalla sedia per generare energia pulita”.

SEDIA è il nome infatti scelto dall’Università degli Studi di Roma Tor Vergata per un recente progetto di innovazione: Stazioni Ecosostenibili Didattico-ricreative  da istallare presso l’ateneo romano. Inizialmente potrebbe sembrare un progetto complicato, in realtà si  tratta di panche intelligenti speciali che combinano varie funzioni. Oltre allo scopo naturale di ospitare chi vuole sedersi, le strutture del campus possono generare energia grazie a tre pannelli solari posti nella tettoia.

Gli studenti possono essere più produttivi anche all’aperto: possono studiare in una posizione comoda mentre i loro dispositivi sono in carica. Un ottimo veicolo per promuovere la sostenibilità. Esempio certamente virtuoso, ma non certo isolato. Dai piccoli centri ai grandi laboratori di ricerca, le energie rinnovabili si avvicinano sempre di più alla vita di tutti i giorni. A Novedrata, in provincia di Como, i residenti possono trascorrere del tempo all’aria aperta e beneficiare dell’energia generata dalle quattro sedute.

Le strutture, oltre ai pannelli fotovoltaici, sono dotate anche di prese USB, caricabatterie wireless, Wi-Fi e schermi LCD. Arriva dagli Stati Uniti una sedia a dondolo futuristica progettata dal team della professoressa Sheila Kennedy, docente di architettura al Massachusetts Institute of Technology (MIT). Si chiama SOFT ROCKER ed è un piccolo impianto fotovoltaico in grado di convertire le radiazione solari in energia elettrica che si produce mentre si dondola e si può usare invece mentre si é fermi in relax. La particolare forma mette al centro l’equilibrio del corpo umano per sfruttare l’intera superficie fotovoltaica posta sulla sommità della sedia. Una struttura dalla linea tradizionale realizzata in legno riciclato, capace di diventare una piccola centrale elettrica ad energia pulita.Ricaricare il telefono sarà completamente rilassante e rispettoso dell’ambiente.